Matrimonio – Il Corredo Nuziale

Sei alle prese con i preparativi del matrimonio? Non sei sicura se il tuo corredo nuziale sia completo? Quì di seguito troverai una piccola introduzione sulle origini del corredo ed alcuni consigli che potranno esserti utili per preparare ed organizzare la biancheria per la tua casa.

Il corredo nuziale ha un’origine molto antica e con il passare degli anni questa usanza si è radicata maggiormente nelle località dell’entroterra delle diverse regioni d’Italia, dove le donne trascorrevano fino a qualche tempo fa, buona parte delle giornate a tessere, filare, ricamare e realizzare meravigliosi merletti.

Le donne erano solite riunirsi all’interno delle mura domestiche insieme alle altre donne del vicinato condividendo tecniche di ricamo, saperi e trucchi del mestiere che venivano tramandati di generazione in generazioni e messi in pratica durante la preparazione del corredo.

Già al momento della nascita di una bimba, la madre si premurava ad acquistare o ricamare lenzuola, tovaglie, asciugamani, biancheria per la casa che, al momento delle nozze, la fanciulla avrebbe portato con sé come integrazione ai beni della dote vera e propria.

Per la mamma era un vanto preparare la biancheria con eleganti ricami e pregiati tessuti e per la famiglia della sposa rappresentava l’indicatore delle sue condizioni socio-economiche.

  • La domenica precedente al matrimonio parenti e amici formavano un corteo per andare verso la casa dei futuri sposi portando l’intero corredo e veniva rispettato un ordine ben preciso: davanti, le persone con il corredo femminile; a seguire, quello maschile.
  • Il mercoledì successivo le donne sposate e le nubili in buona salute preparavano il letto dei futuri sposi; a lavoro ultimato, vi spargevano sopra un po’ di grano misto a petali di fiori e l’abbellivano con ramoscelli di pervinca: gli antichi romani consideravano, questa pianta sacra per lo sposalizio.

In questi ultimi anni in Italia le donne hanno riscoperto un interesse per la biancheria ricamata e per il corredo, riprendendo l’antica tradizione dove lenzuola, tovaglie e asciugamani dovevano essere preparati in quantità ben precise: sei coppie di lenzuola; quattro tovaglie ; dodici asciugamani.

Il concetto moderno di corredo si allaccia alla tradizione, nella dote non mancheranno di certo le classiche lenzuola ricamate a mano e le tovaglie ereditate dalla nonna e, anche per quanto riguarda i quantitativi, la tradizione interviene dettando un numero di capi sempre multiplo o sottomultiplo di 6. Questo è un numero indicativo, sarai tu, in base alle tue esigenze e possibilità economiche decidere per la quantità esatta.

Comunque, ecco cosa dovrebbe comprendere un corredo di base:

Il ricco e prezioso corredo di un tempo, destinato talvolta a rimanere tutta la vita racchiuso in un baule per poi essere tramandato di generazione in generazione, viene sostituito in parte dal corredo d’arredamento con una serie di coordinati per la casa allegri e pratici, in sintonia con il resto dell’ambiente domestico, da utilizzare tutti i giorni, affiancati da capi più raffinati nei tessuti e nelle decorazioni, da utilizzare in occasioni particolari.


Parte del corredo si acquista non appena l’abitazione è già stata aedata, in modo da sceglierlo in accordo con lo stile e con il colore dei mobili e degli accessori.

E’ meglio fare molta attenzione alla qualità di ciò che acquisti piuttosto che la quantità, ricordatevi che anche la biancheria per la casa passa di moda; inoltre, è buona norma considerare pure la funzionalità dei vari capi, che dovranno essere pratici, facilmente lavabili e adatti a tutte le occasioni.

Il corredo della camera da letto comprende:

  • completi di lenzuola matrimoniali
  • coperte di lana
  • plaid
  • piumino
  • copripiumino con federe
  • trapunta
  • coperta di piqué bianca

Il corredo è improntato alla tradizione, ma non rinunciare a sperimentare nuovi tessuti e colori. Se ami le lenzuola colorate potrai scegliere tinte calde e brillanti, come l’arancio, ocra, le tonalità del blu e del ciclamino e lenzuola stampate con soggetti orientali.

Al momento dell’acquisto, controlla sempre le etichette e i marchi dove troverai le iinformazioni e la garanzia sul materiale e sulla tenuta del colore.

Fai attenzione anche nello scegliere le fibre: oltre al cotone e al lino (che favorisce il rilassamento muscolare), si sta affermando la canapa: si tratta di un tessuto che assorbe l’umidità meglio rispetto agli altri tessuti e non necessita di stiratura.

La classica coperta di lana in questi ultimi anni è stata sostituita ai piumini formati da due trapuntini che si possono unire con bottoni automatici o con laccetti: insieme, li userai nelle stagioni fredde; mentre in primavera saranno perfetti per la mezza stagione. Non dimenticare i copri materassi e copri federe, che ti saranno di aiuto a preservare materassi e cuscini.

In questi anni il bagno ha subito originali cambiamenti; di conseguenza, anche il suo corredo offre una moltitudine di varianti:

  • set di asciugamani: grandi, medi, piccoli di spugna
  • asciugamani medi e piccoli di lino
  • tappetini
  • accappatoi

Gli asciugamani vantano pregiati bordi in lino o in piquè; troviamo in commercio tappetini con motivi stilizzati, con righe, quadretti e rombi; gli accappatoi con lavorazioni jacquard e a  trecce inglesi.

Sarai libera di scegliere la vasta gamma di tessuti che il mercato tessile mette a disposizione pe te. La spugna è molto consistente e dura a lungo, dopo i primi lavaggi, risulta essere molto assorbente; ha però due inconvenienti: impiega parecchio tempo ad asciugarsi e occupa tanto spazio. Per questo ti suggerisco di utilizzare le spugne durante i mesi più caldi. La ciniglia è molto morbida e vellutata al tatto, ma meno economica rispetto alla spugna.

Il corredo della cucina:

  • tovaglie di cotone o di lino, stampate e in tinta unita
  • mollettone
  • set all’americana
  • centrini per il vassoio e per il carrello portavivande
  • asciugapiatti di misto lino
  • asciugabicchieri di lino (per i bicchieri che non vanno in lavastoviglie)
  • asciugamani di spugna
  • grembiuli da cucina e presine

Il corredo da cucina è quello utilizzato maggiormente: quindi  assicurati che i vari pezzi si possono candeggiare e lavare in lavatrice senza subire spiacevoli sorprese. Esistono in commercio divesi tipi di tovaglie con fantasie bizzarre e tonalità sgargianti. I servizietti individuali vengono omai utilizzati quotidianamente: quelli che vanno più alla moda sono realizzati con paticolare stoffe e personalizzate a punto croce e punto scritto . Il cotone a nido d’ape viene ormai utilizzato per confezionare asciugapiatti e presine.

Prima di comperare, valuta bene le caratteristiche dei vari tessuti:

  • il cotone resiste alle alte temperature, ma si stropiccia velocemente;
  • in estate è preferibile adoperare il lino perchè respinge umidità e calore;
  • l’organza è fresca, leggera e molto delicata.

Un pensiero su “Matrimonio – Il Corredo Nuziale

  1. Pingback: Matrimonio – Il Corredo Nuziale | Matrimonio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *