Che Cosa è il Yarn Bombing

Yarn_bombing_bici

La Yarn bombing conosciuta anche come yarnbombing, yarn storming, guerrilla knitting, kniffiti, urban knitting o graffiti knitting, è una tecnica di graffitismo o arte di strada dove vengono impiegati, piuttosto che pitture e bombolette spray, coloratissimi fili di cotone o lana lavorati a maglia o uncinetto.

Nonostante l‘installazione di lavori a maglia o uncinetto – yarn bombs o yarnstorms – possa durare per anni, questa tecnica viene considerata non permanente, e, a differenza di altre forme di graffiti, può essere facilmente rimossa, se necessario. Tuttavia, la pratica è ancora tecnicamente illegale in alcune giurisdizioni, anche se non perseguita.

Mentre le altre forme di graffitismo possono essere di forma espressiva, decorativa, territoriale, di natura socio-politica, pubblicitaria o possono rappresentare atti vandalici, il yarn bombing è una tecnica inizialmente utilizzata come espressione di recupero e personalizzazione di luoghi pubblici sterili o freddi. Da allora il yarn bombing si è sviluppato attraverso gruppi di appassionate di maglia e uncinetto in tutto il mondo, ognuno di essi con i propri programmi e progetti pubblici da realizzare.

La pratica sembra abbia avuto origine negli Stati Uniti con le appassionate di maglia del Texas le quali cercavano di trovare un modo creativo per utilizzare e quindi riciclare i loro campioncini-prova e progetti a maglia non portati a termine, fu così che questa tecnica da allora si diffuse in tutto il mondo.

L’inizio di questo movimento viene attribuito a Magda Sayeg, 37 anni, di Houston, che dice di essere stata la prima nel 2005 ad aver avuto questa idea, quando ricoprì la maniglia della porta della sua boutique con un lavoro a maglia su misura.

L’artista Bill Davenport cercava ed esibiva oggetti ricoperti all’uncinetto a Houston già nel 1990, e la Houston Press ha affermato che “Bill Davenport potrebbe essere chiamato il grande vecchio di Houston della scultura a crochet.” Nel 2002, l’Artista Shanon Schollian, ha ricoprì a maglia i ceppi degli alberi nell’Oregon. Mel 2008 l’albero Knit Knot di Jafagirls a Yellow Springs, in Ohio guadagno’ l’attenzione internazionale.

Il movimento passò dalla realizzazione di semplici “coperture” all‘innovazione della ‘storia del cucito‘. Il concetto è stato attribuito a Lauren O’Farrell, (a battezzare l’arte di strada con il nome di graffiti knitting fu Deadly Knitshade), di Londra, Regno Unito, che fondo’ nella città il primo gruppo collettivo di maglia: la Knit the City. Il ‘concetto storico del gruppo si basa sull’utilizzo della tecnica amigurumi per realizzare personaggi e oggetti utili per raccontare un testo narrativo o trattare una determinata tematica. Cio’ è quanto affermato dal gruppo collettivo Knit the City “Web of Woe” nel mese di agosto del 2009.

Il gruppo Knit the City fu il primo ad utilizzare il termine s’yarnstorming’ introdotto da O’Farrell’ per descrivere i graffiti knitting, come alternativo all’ormai conosciutissimo termine ‘yarnbombing’.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.