La Storia del Patchwork

quilt

La storia del patchwork ha origine in Africa e in Asia in un epoca in cui gli abitanti si trovarono nella necessità di realizzare capi di abbigliamento caldi, utili per proteggersi dal clima freddo e pungente. Nel Medio Evo, i crociati per proteggere la pelle dall’armatura di ferro molto pesante, indossavano degli indumenti formati da diversi strati di tessuto che venivano cuciti insieme e trapuntati.

Il patchwork in Spagna venne utilizzato per realizzare paramenti sacri mentre in Italia questa tecnica veniva impiegata per confezionare costumi tradizionali, impreziosire la biancheria per la casa e per bardare i cavalli.

In Inghilterra, la tecnica del patchwork venne introdotta per realizzare trapunte molto spesse, simili a copriletti chiamati Cowlte da cui ebbe origine successivamente il termine quilt. Questa morbida e calda coperte veniva donata in occasione del matrimonio ai novelli sposi.

Il patchwork fu introdotto in America dalle mogli dei pionieri, durante il periodo della colonizzazione. Le donne riciclavano pezzetti di stoffe e conservavano accuratamente ritagli di stoffa avanzata; successivamente li univano insieme per ocnfezionare biancheria per la casa come tovaglie, tende, coperte e capi d’abbigliamento.

Questa semplice arte che consiste nel mettere insieme pezzetti di stoffa, veniva considerata una forma di arte povera, con il tempo il patchwork è diventata uan tecnica conosciuta in tutto il mondo e molto apprezzata.

Oltre ad utilizzare piccoli pezzetti di tessuto di diverso tipo è possibile decorare i tessuti in patchwork con ricami e raffinate passamanerie.

Esistono diverse tecniche come il patchwork su stoffa, il patchwork su polistirolo e il patchwork a carciofo.

Il patchwork su stoffa è la tecnica classica tramandata di generazione in generazione e sempre attuale poichè ci permette di realizzare coperte, trapunte, asciugamani, corredini per neonati e decorare la biancheria per la casa, borse e tanti accessori.

Il patchwork su stoffa puo’ essere eseguito a mano senza utilizzare la macchina di cucire.

Per iniziare a realizzare un capo con la tecnica del patchwork occorre munirsi di pochissimi strumenti, tutto il materiale è facilmente reperibile nei negozi online o nelle mercerie più fornite della tua città.

2 thoughts on “La Storia del Patchwork

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *